Mag 152013
 

ESTADANZA 2013
30° anno – 60° e 61° edizione


Estadanza compie 30 anni. La più antica rassegna di corsi, studi e ricerche sulla danza popolare in Italia. Festeggiamo il compleanno con un ritorno in Abruzzo, terra privilegiata della nostra lunga ricerca e con un corso sperimentale di danzaterapia tradizionale in Puglia.

Galatina (LE) 10 – 16 agosto 2013
60a edizione

 

SCUOLA DI pizzica pizzica tradizionale e altri balli pugliesi


DISCIPLINE:
– Storia del tarantismo (prof. E. Imbriani, Univ. di Lecce): ore 4
– Antropologia della danza e Storia della danza popolare pugliese (prof. G. 
Gala<http://www.taranta.it/curriculumpinogala.html> , etnocoreologo): ore 6
– Tecnica del ballo (Biagi, S. Gala, Miniati): ore 17

Repertorio coreutico
:
pizzica pizzica <http://www.taranta.it/pizzica.html> salentina (di Cutrofiano e Ruffano), le “figure legate” della pizzica pizzica  (area grika), scotis di Corigliano d’Otranto; pizzica pizzica, scozio e polka rossa della Murgia dei trulli; tarantella di Carpino; quadriglia.

– “IL BALLO CHE CURA” – Seminario di studio (a cura di G. M. 
Gala<http://www.taranta.it/curriculumpinogala.html> )

Seminario di danzaterapia tradizionale, parallelo al corso di balli pugliesi. Il tarantismo pugliese è da decenni fenomeno storicamente estinto; però in questi decenni la ricerca sul campo ha scoperto modelli di danza ancora in uso che sono a tutti gli effetti forme efficaci per il raggiungimento di un benessere psicofisico, che motiva l’attaccamento a tali danze. Il percorso didattico muove da lunghe osservazioni di particolari realtà coreutiche presenti in Italia, nelle quali i detentori di tali tradizioni si beneficiano di euritmia sperimentata. Gli allievi saranno condotti gradualmente ad avvicinarsi a tali dimensioni motorie e ad osservarne tecniche e sperimentarne effetti (7 ore).

***

“TARANTA ETNOFILM”
Rassegna cinematografica del documentario etnografico su “Musica e Carnevale

OSPITALITÀ

Sistemazione gratuita:
I partecipanti alloggeranno gratuitamente nell’ex-orfanotrofio dell’Istituto Immacolata di Galatina (oggi Centro IPA) nel centro storico, in camerate munite di vari letti (servizi comuni, docce in terrazza). Portarsi le lenzuola e biancheria personale.
Altra sistemazione: Galatina e i comuni circostanti offrono anche altre strutture ricettive (alberghi, B&B, appartamenti privati, ecc), chi vuole servirsi di tale soluzione a proprie spese è invitato a prenotare prima possibile. L’organizzazione Estadanza fornirà elenchi di punti di accoglienza.
Vitto: gli estadanzini mangeranno in ristorante a prezzo convenzionato di 20 € al giorno (colazione, pranzo e cena). I pasti saranno preparati da cuochi locali.

VISITE, INCONTRI e FESTE
Sono previste durante il breve periodo alcuni sopralluoghi d’interesse etnografico ed artistico. Una mattinata sarà dedicata ad escursione artistica e balneare. Il corso si chiuderà con la partecipazione alla festa S. Rocco.

Galatina si può raggiungere con i mezzi pubblici: basta arrivare in treno delle FFSS sino a Lecce, qui si può prendere sia la Ferrovia Sud-Est (direzione Galatina-Gallipoli), sia un autobus di linea.

LA SALTARELLA ABRUZZESE

PENNA  SANT’ANDREA (TE)
61a edizione di Estadanza

16 – 22 agosto 2013

 

SCUOLA DI FORMAZIONE UISP LEGA DANZA
PER INSEGNANTI DI DANZE ETNICHE ABRUZZESI (1° livello)
CORSO DI BALLI-GIOCO ITALIANI


Penna, paese che conserva gelosamente il laccio d’amore, ballo dell’intreccio di nastri attorno al palo, ci ospita per l’undicesima volta.

DISCIPLINE:
– Antropologia Culturale (prof. L. Giancristofaro, Univ. di Chieti): ore 4
– Antropologia della danza (prof. G. 
Gala <http://www.taranta.it/curriculumpinogala.html> , etnocoreologo): ore 5
– Storia della danza popolare (prof. G. 
Gala <http://www.taranta.it/curriculumpinogala.html> , etnocoreologo): ore 2
– 
Storia delle tradizioni popolari (Dr. A. Gandolfi, ricercatrice): ore 2
– 
Tecnica del ballo (Biagi, Gala, Miniati e Gruppo Folk “Laccio d’amore” di Penna S. Andrea): ore 20
Totale: ore 33

Repertorio coreutico didattico:
BALLI ABRUZZESI: saltarella della Val Vomano, trallallerosaltarella della Val di Sangro, laccio d’amoredanzacotiglionespallata dell’Alto Vastese equadriglia.
BALLI-GIOCO: ballo del merlo, ballo della sala, ballo degli sposi, (Abruzzo), papagno, ballo della volpe (Molise), compagnia e ballo dei gobbi (Toscana), ballo della mela, ballo del bacio (Romagna).

SCUOLA DI MUSICA POPOLARE


Corso di organetto a 2 bassi, su repertorio abruzzese (Ins. Domenico Di Teodoro): 10 h.
Corso di tamburello nello stile abruzzese: Ins. Silvio Pascetta: 6 h.

Escursioni, visite artistiche e feste
– Durante la settimana sono previste un’escursione naturalistica sul Gran Sasso con lezioni all’aperto, inoltre vi saranno visite a centri d’arte limitrofi.
-Due cuoche locali prepareranno piatti tipici abruzzesi, sia di cucina povera contadina, sia di più complessa preparazione. 
– Sono previste feste da ballo con i gruppi musicali della zona e una serata gestita dal gruppo folk “Laccio d’amore”, il tutto in un clima di amicizia.

OSPITALITÀ

Sistemazione gratuita: i partecipanti alloggeranno gratuitamente nella Scuola elementare e nella Scuola materna del piccolo borgo di Penna Sant’Andrea, in aule munite da 4-6 letti. Portarsi le lenzuola e biancheria personale. Le lezioni di danza si terranno presso l’adiacente palestra, mentre le lezioni teoriche si svolgeranno nelle sale della scuola materna.
Altra sistemazione: nella zona vi sono altre strutture di ricezione turistica a pagamento (alberghi, B&B, appartamenti privati, ecc). Chi vuole servirsi di tale soluzione a proprie spese è invitato a prenotare prima possibile. L’organizzazione Estadanza fornirà elenchi a esplicita richiesta.
Vitto: Gli estadanzini mangeranno presso ambienti attrezzati della scuola materna, a prezzo convenzionato di 20 € al giorno (colazione, pranzo e cena). I pasti saranno preparati da cuoche locali. Il vitto diventa parte integrante del costo complessivo del corso.
COME ARRIVARCI: Penna S. Andrea si raggiunge in treno fino a Giulianova sulla linea adriatica, poi bus o treno sino a Teramo, qui prendere alla stazione autolinee un bus per Penna S. Andrea.

Le danze saranno insegnate nelle forme originali osservate dagli anziani e contestualizzate nelle culture di provenienza. Agli iscritti verrà inviato il prospetto degli orari delle lezioni dell’intera settimana. Inoltre saranno disponibili testi, riferimenti bibliografici e cd con musiche originali sui balli insegnati durante i corsi.

+ Obbligatorie la tessera 2013 dell’Ass. Taranta (€ 15) [+ UISP a Penna].
I corsi sono gratuiti solo per i residenti del posto (solo tessera associativa).

+ Chi vuole iscriversi deve telefonare o scrivere in associazione per ottenere la disponibilità dei posti, ricevuto l’assenso, deve compilare un apposito modulo d’iscrizione e versare l’anticipo di € 50 sul c/c postale sottoscritto (o per bonifico bancario), precisando il tipo di corso cui vuole partecipare e il proprio recapito (con telefono); la rimanente cifra verrà poi saldata all’inizio della manifestazione.

– C/c postale N° 26456509 intestato a Choreola / Taranta – Via Alfani 51 – 50121 FIRENZE
–  Coordinate bancarie: Cassa Risparmio Firenze – Via Bufalini, 6 – IBAN= IT52 O061 6002 8000 0009 6161C00
INFO: Tel +39-055295178 Mobile: 347-5000000  / 347-6186994 / 340-5131771 – www.taranta.it – taranta@taranta.it

L’Ass. Cult. “Taranta” non ha fini di lucro. Le entrate finanziarie dei corsi di Estadanza, detratte le spese di segreteria e degli operatori esterni, sono totalmente devolute a sostenere le ricerche etnografiche sul campo e le pubblicazioni di Choreola e di Ethnica. L’organizzazione si riserva i diritti di accettazione delle iscrizioni e di eventuali variazioni del programma. È vietato filmare le manifestazioni della rassegna senza esplicita autorizzazione.

INFORMAZIONI PIÙ DETTAGLIATE

Tel. e fax +39-055-295178 / Mobile: 347-5000000 / 347-6186994 / 349-4312349 / 340-5131771
Mail: taranta@taranta.it

[suffusion-the-author]

[suffusion-the-author display='description']

Sorry, the comment form is closed at this time.